Il Premio Nobel per la Pace unisce Pakistan e India

Malala Yousafzai e Kailash Satyarthi

nobel1

L’edizione 2014 del Premio Nobel per la Pace potrebbe avvicinare India e Pakistan, Paesi storicamente divisi dal conflitto per il controllo della zona del Kashmir. Dal 1947 i due Stati dell’Asia meridionale, entrambi potenze nucleari, si contendono la supremazia sulla regione di confine. Una situazione di tensione costante, sfociata sovente in guerra aperta.

Il prestigioso riconoscimento quest’anno è andato infatti a Kailash Satyarthi, attivista indiano dei diritti dei bambini e a Malala Yousafzai, ragazza pakistana di 17 anni vittima nel 2012 di un attentato per il suo impegno a favore dell’istruzione femminile.

Il Comitato del Nobel Institute di Oslo ha voluto da una parte accendere i riflettori su coloro che ogni giorno lottano nel mondo per i diritti dei più giovani, dall’altra favorire un dialogo fra due popoli da decenni in conflitto. «I bambini – recita il comunicato che spiega le motivazioni del premio – devono poter andare a scuola e non essere sfruttati per denaro. Nei Paesi più poveri del mondo, il 60% della popolazione ha meno di 25 anni d’età. È un prerequisito per lo sviluppo pacifico del mondo che i diritti dei bambini e dei giovani vengano rispettati».

Malala è la 46° donna a ricevere un Premio Nobel, ma soprattutto è in assoluto la più giovane vincitrice. Il suo impegno a favore del diritto all’istruzione delle donne ha scatenato contro di lei il risentimento dei fondamentalisti talebani. Nel 2012 un commando di terroristi saliva a bordo dello scuolabus su cui si trovava ferendola gravemente. Da quel momento vive sotto protezione a Birmingham, in Gran Bretagna, senza mai interrompere il suo impegno per la scolarizzazione e l’educazione.

Kailash Satyarthi, indiano, 60 anni, è invece impegnato dal 1990 nella lotta contro il lavoro minorile. Dopo avere insegnato alcuni anni come maestro a Bhopal, ha fondato l’organizzazione Bachpan Bachao Andolan, con la quale ha aiutato oltre 80.000 bambini ad affrancarsi da varie forme di schiavitù, favorendo la loro formazione e integrazione.

Satyrthi ha espresso il desiderio di poter lavorare presto assieme a Malala sulle tematiche dello sfruttamento minorile e dell’educazione. E la giovane Malala ha rivolto un appello ai Capi di Governo indiano e pakistano, perché siano entrambi presenti il prossimo 10 dicembre a Oslo alla cerimonia di consegna dei Premi Nobel.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione cultura vi proponiamo l'intervista al giovane autore Giacomo Postinghel, vi ...
  • “L’occhio su Trento", in questo secondo appuntamento, ci porta ad ammirare dall’alto del Do ...
  • Essere allenatori di calcio significa anche educare: ce ne parla Francesco Coppo, preparatore dei ...
  • Abbiamo incontrato Rebecca, Martina e Maria Chiara che ci hanno raccontato come, con la loro pagi ...
  • "Sogno di poter continuare a suonare e imparare tutta la vita, e lo realizzo giorno dopo giorno". ...
  • In questo primo appuntamento della rubrica "L'occhio su Trento" raccontiamo, facendoci largo tra ...

martedì 22 Giugno 2021