Don Gallo: un comunista in paradiso

Don Gallo: un comunista in paradiso

Don Andrea Gallo, classe 1928, davanti alla fiumana che ha inondato
Genova per l’ultimo saluto, avrebbe allargato le braccia in segno di affetto. Per più di mezzo secolo ha prestato mani e voce agli ultimi: prostitute, adulteri, omosessuali, immigrati regolari e irregolari, divorziati, ragazze madri, ladri, carcerati, malati di aids e barboni. Ai suoi occhi unicamente persone.

Un cattolico comunista. Uno scrittore che ha difeso strenuamente i beni più preziosi della nostra società: Costituzione, giovani, lavoro, diritti, libertà. Un prete scomodo che ha saputo conquistare l’ammirazione di moltissimi scettici. Partigiano nel sangue, fedele alla Resistenza. La sua Genova che l’ha partorito 84 anni fa, dopo questo freddo sabato di fine primavera, se lo riprende, per restituirlo alla terra e al cielo. Uno squilibrio nell’ordine delle cose, un mattone in meno nella già pericolante torre di Babele, nella certezza, però, che da qualche parte starà già
“facendo le scarpe” ai poteri forti.

Per molti un prete in costante dissenso. Ma don Gallo con Gesù Cristo è
sempre andato molto d’accordo.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Parla di musica il nuovo articolo, ma anche di sogni, del ruolo della donna e di #pizzicasalentin ...
  • Realtà vs finzione nei libri: creare personaggi troppo basati sulle persone reali può avere anc ...
  • Il ruolo dello humor e della letteratura umoristica. Quello che c'è dietro la risata finale ce l ...
  • La critica tagliente, ironica e appassionata di una nuova autrice: «Boicotta la tassa, vinci il ...
  • Un'attuale riflessione ed un esempio reale di una convivenza pacifica tra culture differenti, e l ...
  • Un racconto di una parte di quotidianità contemporanea che purtroppo lascia l'amaro in bocca #na ...

sabato 12 ottobre 2019