Difendiamo la Borsa (di studio)

Difendiamo la Borsa (di studio)

Per il terzo anno consecutivo, in Cile gli studenti medi e universitari tornano a protestare contro il Governo.

Il grande movimento, in grado di mobilitare decine di migliaia di ragazzi nelle strade di Santiago e altre città, intensifica la battaglia approfittando dell’ultimo anno di mandato del Presidente Sabastián Piñera. Le accuse riguardano il taglio di migliaia di borse di studio e altri finanziamenti all’istruzione pubblica. Ma gli studenti cileni non ci stanno e da tre anni non mollano la presa, tanto che Piñera è stato costretto a cambiare ben tre Ministri dell’Educazione.

Una generazione che accetta (protestando) il bastone ma non la carota e nessuna strategia messa in piedi dal Governo per addolcirli sembra funzionare.

Chiedono a gran voce di studiare, da un Paese che col PIL galoppa come 6 Deutschland messe insieme.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 16 luglio 2018