138 sì alla Palestina

L’ONU sceglie il buon senso

138 sì alla Palestina

Una terra che riemerge: il destino inverso di Gomorra. La Palestina, dal 29 novembre scorso, è Stato Osservatore delle Nazioni Unite. A votare a favore in 138, da Russia e Cina, all’Europa mediterranea, al Sud del Mondo.

Il prevedibile e preoccupante niet degli Usa e l’indifferenza di certa Europa (Germania e Regno Unito in testa) non fermano un processo che sembra destinato ad andare avanti. Un fatto storico che, sulla scia un po’ opaca della primavera araba, consegna una vittoria importante ai palestinesi che rifiutano l’uso delle armi. Riaffermati i confini del 1967 (che includono Gerusalemme est), la Palestina è pronta a non essere più solo la Gaza di Hamas, sotto il giogo di faraoni 2.0, ma terra che riacquista unità e dignità sul piano internazionale.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • La critica tagliente, ironica e appassionata di una nuova autrice: «Boicotta la tassa, vinci il ...
  • Un'attuale riflessione ed un esempio reale di una convivenza pacifica tra culture differenti, e l ...
  • Un racconto di una parte di quotidianità contemporanea che purtroppo lascia l'amaro in bocca #na ...
  • Un destino già scritto da altri e riflesso negli occhi bassi dell'indifferenza. Buona lettura! ...
  • Il disagio opprimente, invisibile agli occhi, che non da tregua. Ma anche il racconto di un viagg ...
  • Un racconto immaginario - oppure no - in attesa lungo i binari ferroviari. Buona lettura! #raccon ...

domenica 19 maggio 2019