Quel morso fatale

Quel morso fatale

15 grammi di zucchero ogni tre fette. Golden Delicious, Royal Gala, Renetta, alcune qualità. Rosse, verdi o gialle a pois. A Sir Isaac Newton cadde in testa e fu coniato il concetto di gravità. Trattasi di mele. Quella del marchio Apple® è sicuramente la mela addentata più conosciuta al mondo. Fu morsa la sera del 7 giugno 1954 dall’inglese Alan Turing, matematico e ideatore del “Calcolatore Universale” che oggi conosciamo come computer.

Una mela affogata nel cianuro e il pioniere dell’informatica moderna decise di segnare le sorti della sua vita con un morso fatale e un “arrivederci a mai più”. Turing salutò il rigido bigottismo britannico, preferendo il sudicio alla feroce cura ormonale che il Governo gli aveva imposto per “liberarsi” dall’omosessualità.

Oggi il frutto proibito, cimelio di una vita avvelenata dal pregiudizio, è il simbolo di un’impresa che nel 2012 ha fatturato oltre 150 miliardi di dollari.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • E se vi dicessimo che questa volta la differenza l’hanno fatta degli studenti trentini insieme ...
  • È facile immaginare scenari alla Black mirror: e se una voce ordinasse all’assistente di esegu ...
  • Una giovane atleta e allenatrice dell' A.S.D. Rugby Trento ci racconta come ha vissuto questi mes ...
  • “L’albero degli Smartphone” – Valentina Federica Zeni | UnderTrenta: https://t.co/guKxHcZn2M ...
  • L’Europa di chi crede nel futuro – Marco Odorizzi https://t.co/w2s6hZc0wR
  • Open Mic Home Edition, con Sidewalk l’arte non si ferma – Federico Oselini https://t.co/kQGThtX ...

lunedì 1 Giugno 2020