Femminicidio linguistico

Femminicidio linguistico

Nessuno definirebbe mai Federica Pellegrini un nuotatore o Bianca Balti un modello, Maria un infermiere, Antonella un maestro ed Elisa un segretario. Invece con il Ministro Annamaria Cancellieri, il Magistrato Ilda Boccassini, l’Avvocato Giulia Bongiorno e il Rettore Daria De Pretis la musica cambia. Le donne in questione sembrano acquistare potere, importanza e prestigio solo grazie agli appellativi al maschile.

Per alcune cariche istituzionali o professioni, infatti, non si utilizza mai il femminile o, se lo si fa, sembra così forzato (e brutto) che si passa per analfabeti: sindaca, chirurga e ingegnera sono tre esempi.

Discriminazione linguistica? Se Paesi come la Svizzera stanno provando a sradicare questa tradizione androcentrica con studi e ricerche finalizzate all’inserimento nella lingua corrente del femminile laddove manchi, i sostenitori più accaniti del maschile che ingloba (o soffoca?) l’altro sesso sostengono che non sia giusto trasgredire le regole grammaticali solo perché negli ultimi anni alcuni ruoli sociali – di solito appannaggio del “sesso forte” – siano stati resi accessibili anche alle donne.

Cittadini e spettatori: nascondere la donna dietro (o dentro) il genere grammaticale maschile non è una questione linguistica ma un evidente stereotipo culturale. Spieghereste come mai una signora che cucina in contesti umili è una cuoca, ma se lo fa in location a tante stelle è uno chef?

Approfondimenti

I vostri commenti all'articolo

1
  1. GiuliaH

    Le lingue sono spesso sessiste, ma la lingua evolve, quindi, perché no? Perché non seguire l’esempio della Svizzera?

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Parla di musica il nuovo articolo, ma anche di sogni, del ruolo della donna e di #pizzicasalentin ...
  • Realtà vs finzione nei libri: creare personaggi troppo basati sulle persone reali può avere anc ...
  • Il ruolo dello humor e della letteratura umoristica. Quello che c'è dietro la risata finale ce l ...
  • La critica tagliente, ironica e appassionata di una nuova autrice: «Boicotta la tassa, vinci il ...
  • Un'attuale riflessione ed un esempio reale di una convivenza pacifica tra culture differenti, e l ...
  • Un racconto di una parte di quotidianità contemporanea che purtroppo lascia l'amaro in bocca #na ...

giovedì 10 ottobre 2019