Come ci si prepara a un discorso pubblico (Parte I)

A molti sarà già capitato di dover esporre qualcosa in pubblico: una relazione, un progetto, un intervento. E aver pensato: «Non voglio fare brutta figura!».
Innanzitutto sfatiamo il mito del discorso improvvisato: tutti gli interventi vanno preparati con cura e attenzione. Ricordiamoci che attraverso le parole e la fisicità, trasmetteremo agli ascoltatori un’impressione con la quale valuteranno il nostro intervento in modo positivo, negativo, o incerto. Per far sì che il giudizio sia favorevole, dobbiamo aver ben presente qual è il concetto che vogliamo trasmettere.

Ora bando alle ciance e vediamo insieme quali sono le domande da porsi per non fare brutta figura in pubblico:

1. «A chi ci rivolgiamo?».
Focalizzare la nostra attenzione su chi ci ascolterà è il primo passo per parlare in modo appropriato, perché ci consentirà di scegliere il tipo di linguaggio da usare: settoriale, formale, informale, scientifico, misto. Per scrivere un qualsiasi tipo di discorso, infatti, dobbiamo tenere ben presente il pubblico cui esso è rivolto: esperti del settore, studenti, uomini d’affari, bambini, ecc.

Ad esempio, se parleremo di public speaking rivolgendoci a un avvocato o a un politico, utilizzeremo un tipo di linguaggio più forbito e aulico, daremo del Lei al nostro interlocutore e opteremo per gestualità e movimenti più contenuti; al contrario, se il nostro uditorio è costituito da ragazzi che seguono il corso per migliorare le loro prestazioni, faremo uso di parole più colloquiali, ci lasceremo scappare qualche battuta in più, e ci sposteremo per la stanza con più scioltezza e disinvoltura.

2. «Che cosa voglio dire?».
A questo punto è fondamentale stabilire quella che viene definita una “scaletta” delle cose da dire, ovvero cosa espongo per primo, cosa per secondo, ecc.
Elaborato l’ordine di esposizione degli argomenti, dobbiamo riuscire a “temporizzare”, ossia stabilire quanto tempo è giusto dedicare a ciascun punto. Questo è forse il momento più difficile per chi è solito divagare e aprire parentesi. Certo, si può raccontare qualche aneddoto, ma questi non devono farci deviare dal focus del nostro discorso.

Paura-di-parlare-in-pubblico

3. «Come mantenere la calma?».
Eccolo, è arrivato il momento fatale: è l’ora di parlare di fronte a un gruppo di persone più o meno numeroso. Se studieremo bene il nostro intervento, saremo sicuri, decisi ed eviteremo inefficaci balbettamenti. Redatto il discorso e temporizzati i vari punti, non ci resta che esporli rimanendo fedeli al “copione”. Riusciremo così a mantenere la calma e la sicurezza necessarie per non fare brutta figura!

Per essere più tranquilli, potremo ricorrere a degli appunti da tenere sottomano e sui quali sbirciare in caso di bisogno.
Un aiutino può venire anche dallo studio a memoria dei primi 3-4 minuti del nostro discorso: è questo il tempo necessario al nostro corpo per scaricare l’adrenalina e superare l’ansia.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Questo articolo ci è piaciuto davvero molto! Leggetelo anche voi! Non è #pessimismo, è #Scienz ...
  • Vivere assieme, senza pregiudizi, senza erigere mura. Queste le premesse per un'Europa davvero Un ...
  • Un nuova riflessione sull'Europa: #speranza e #opportunità per realizzarla pienamente. #UnioneE ...
  • Stufi della sala pesi o del solito corso di pilates? Magari il chessboxing farà per voi. #novit...
  • Da cosa è nata l'Unione Europea e quali sono gli auspici per il #futuro? Una riflessione scritta ...
  • Un racconto nato da un #viaggio fatto tanti anni fa da un nostro bravissimo autore. La storia di ...

venerdì 12 ottobre 2018